blogo, informazione indipendente
Logo Blogosfere

La paruresis: la fobia di urinare in pubblico

Giulietta Capacchione avatar Lunedì 19 Dicembre 2005, 03:49 in Psicologia clinica di Giulietta Capacchione

UrinalCari avventori, l' argomento non è certo fra i più aulici, ma può essere di qualche interesse per chi è incuriosito dalle fobie rare o particolarmente bizzarre.
Si tratta della paruresis, altrimenti conosciuta come "sindrome della vescica timida" (bashful bladder syndrome) di cui soffrirebbe circa un americano su dieci.
E’ un disturbo ansioso che colpisce prevalentemente gli uomini e consiste nell’impossibilità (fisica) di urinare alla presenza reale o immaginaria di qualcun altro. L’ansia causa una tensione muscolare e rende impossibile il rilassamento dei muscoli sfinterici.
Per la stragrande maggioranza delle persone il problema non è che un banale inconveniente. Servirsi del bagno anzichè dell’orinatoio, tirare lo sciacquone o aprire il rubinetto dell’acqua sono strategie sufficienti a gestire quello che è soltanto imbarazzo, ritrosia, pudore della propria intimità.
Per coloro che invece ne sono affetti in maniera più severa e vedono in qualche modo intaccata la propria qualità di vita viene utilizzato frequentemente e, sembra, con successo il trattamento comportamentale della desensibilizzazione in vivo.
Si svolge usando un “pee buddy”, un “compagno di pipì” (!) che è presente quando si ha bisogno di urinare. Questa persona comincia stando nella stanza adiacente con la porta aperta e, non appena è diventato più facile emettere il flusso urinario, gradatamente si posiziona più vicino e poi ancora più vicino.
Anche se il tutto può sembrare molto buffo alcuni paruretici arrivano a considerare ed attuare soluzioni radicali come l’autocateterizzazione per tentare di gestire questa fobia.
L' International Paruretic Association fornisce molte informazioni utili a chi pensa di soffrire di questo "disturbo" ed è costretto, magari per motivi professionali, ad utilizzare frequentemente i bagni pubblici. Anche in Italia esiste la Comunità Italiana Paruretici.
Che dire? Parleremo di moltissime altre fobie ben più "irragionevoli" di questa. Homo sum, nihil mihi humanum alienum puto.

Altre info: American Urological Association
Fonte: ADN Kronos

22
22 commenti
22
10 Lug 2012
alle 23:11

Andrea 94

Anch'io soffro di questo problema... Ho sempre avuto piccole difficoltà ad urinare fuori ma mi ricordo che da piccolo erano quasi inesistenti... E' dai 16 anni che questo problema si è rimarcato... Non poter andare fuori a dormire a casa degli amici, o doverlo fare con la consapevolezza di non essere liberi ma di essere bloccati da una lama pronta a colpire in ogni momento non è bello... Ma ora sto andando da uno psicologo e da quando ho iniziato la terapia ci sono stati grandi miglioramenti rispetto al periodo più buio e difficile... Consiglio a tutti di fare altrettanto, non importa l'età che avete e soprattutto se non volete farlo per paura oppure vergogna vi prego di non tirarvi indietro... Il primo passo è decidere di farsi aiutare, ma bisogna anche affrontare attivamente il problema... Tirarsi indietro è la cosa peggiore... E ora lo so, l'ho imparato a mie spese... Io sono una ragazzo di diciotto anni e non ho intenzione di sprecare la mia vita dietro un problema così sciocco ma presente... E vi assicuro, da quando ho iniziato ad andare dallo psicologo trovo molto più facili i contatti con Dio, e davvero... Ricordatevi sempre che Dio è sempre lì accanto a ognuno di noi, e ognuno ha un angelo custode che lo difende sempre... Il percorso è lungo è duro, ma se crederemo in Dio e avremo sempre fede, io penso che riusciremo ad uscirne tutti sani e felici... Un bacio e affettuoso abbraccio ai miei fratelli di vita... Andrea

21
26 Mag 2012
alle 00:14

andrea

salve a tutti anche io come la maggior parte di voi o questo problema di bloccarmi a urinare, quando ero più piccolo riuscivo a urinare mentre mio padre faceva la barba, ma più crescevo e più iniziavo a stentare di urinare in sua presenza, fino a bloccarmi totalmente, adesso mi blocco se non o una porta con chiusura sicura, se ce qualcuno fuori e fa silenzio potrebbe ascoltarmi, se ce qualcuno che fa la fila e mi aspetta che finisco, o se devo farla in giro devo trovare un posto bel nascosto, non pensando che a mare e un problema enorme farla sull'acqua, specialmente se ce i mare mosso mi e impossibile in movimento, e pensare che quando ero piccolo mi misi in riva al mare, mi abbassai il costume e la feci all'impedi senza problemi, e adesso questo problema non mi da pace e davvero brutto, nemmeno d'avanti la mia ragazza riesco a farla

20
23 Mag 2012
alle 11:07

pasquale

ho vissuto x molti anni con questa cazzo di fobia all'inizio era grave . oggi non credo di essere guarito del tutto .ha avuto tutto inizio a 16 anni con un rapporto andato male con una prostituta insieme ai miei migliori amici .da allora la mia vita ha avuto molti limiti .consigio a chi pensa di soffrire di questo disagio di non vergognarsi e di farsi aiutare ....

19
15 Apr 2012
alle 16:05

giuliano

capita  anche   a  me  di  soffrire  di  questo disturbo

ma  nessuno  sa  dire   a  chi  si  deve  rivolgere con  precisione?

18
12 Nov 2009
alle 21:04

Simone

Io non riesco ad urinare in pubblico, nemmeno se mi sta esplodendo la vescica, nemmeno se mi sforzo tanto da farmi venire un ernia! Per esempio, sono in macchina con amici accostiamo per farla in un praticello? Non riesco! Mi sento osservato da quelli rimasti in macchina e non mi esce! Non penso sia cosa così rara comunque... Io dico x sdrammatizzare, sono come i cani ho bisogno il posto giusto.

17
03 Giu 2009
alle 01:11

marcello

Buongiorno! Non ho mai avuto problemi...ho sempre orinato addirittura begli orinatoi... da circa un mese non riesco +...mi blocco e mi si ritrae del tutto il pene...non ne vuole proprio sapere... credo che questo mi succeda da quando in un orinatoio...il mio "vicino" si è toccato guardandomi...insomma si è creata una situazione un po' strana. Può considerarsi  paruresis? grazie!

 

marcello

16
07 Apr 2009
alle 19:57

Alessandro

Ciao a tutti...mi chiamo Alessandro, ho 20 anni...vorrei sapere se c'è qualke farmaco ke aiuti a superare questo "disturboooo"....grazie mille.

15
12 Mar 2009
alle 19:12

Giulietta

Signori, intanto evitiamo di chiamarla malattia che la fa diventare ancora più sgradevole. Chiamiamola e consideriamola per quello che è: un disturbo psicologico (direi anche psicosomatico visto che l'impossibilità di urinare è fisica) che condiziona i vostri comportamenti e riduce la qualità della vita.
Si può superare!  A condizione di impegnarsi in un breve percorso psicoterapeutico. Forza!

14
12 Mar 2009
alle 16:21

simone

salve a tutti, è bello vedere che anche altre persone soffrono del mio stesso problema. Io però ho una manifestazione della "malattia" anche se mi fa strano chiamarla cosi è che questa fobia mi capita solo quando sto con determinate persone, ad esempio con i miei amcii più stretti... aiutooooooo!

13
15 Apr 2007
alle 15:24

alessandro

è strana ...si....ma si soffre,quanto si soffre...

12
04 Feb 2007
alle 15:08

Paolo

E' strana come malattia. Ma non ci si deve vergognare

11
06 Gen 2007
alle 15:12

Giulio

Andiamo tutti a San Giovanni rotondo!

10
06 Gen 2007
alle 15:11

Giulio

Andiamo tutti a San Goivanni rotondo!

9
29 Dic 2006
alle 15:14

Giulietta

Francesca ritengo si tratti di un rimedio omeopatico.
In quanto autore del blog e non essendo un medico, nè tanto meno un omeopata non garantisco nè sull'efficacia di tale prodotto nè sulla sua sicurezza.
Se posso rinnovare il consiglio ai paruretici che passano da queste parti, il mio resta quello di rivolgersi a uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale. Per casi di fobia come questo è una terapia breve, efficace e risolutiva.
Molti auguri.

8
26 Dic 2006
alle 16:07

Francesca

Ciao a tutti, sono di nuovo io...
In una delle risposte c'e uno che consiglia di usare il natrum muriaticum..qualcuno sa cosa e'? o a cosa serve?
grazie!

7
24 Dic 2006
alle 16:09

alessandro

ciao a tutti...
dopo anni di interminabile angoscia e solitudine ,finalmente ho scoperto che cosa ho..e soprattutto ho scoperto che non sono solo!
ciò mi da ancora + forza d'animo e alleggerisce la morsa in cui sto...
credetemi questa maledetta malattia mi sta distruggendo la vita....

6
21 Dic 2006
alle 19:17

Giulio

Salve a tutti.
Mi chiamo giulio e ora so come si chiama la malattia di cui soffro da quando avevo 14 anni "parausresis".
Oggi ne ho 34 e sono stati 20 anni molto duri, specialmente i primi 5 , pperchè non riuscivo adandare al bagno nelle scuole dato che alcuni "bastardi" prendevano a calci le porte dei bagni privi delle serrature!
Dopo molti anni sono riuscito a migliorare, ma il vero disagio era duranrnte i viaggi in treno, o nelle soste in autostrada,ma oggi sopratutto nei viaggi intercontinentali in aereo!!!
é dura tenersela per 14 ore!, volo Singapore Parigi 2003!!!
Beh s enon fosse x gli stopover, cioè le soste di viaggio...
E poi odio I bagni inglese ed americani nonche quelli Australiani cioè I separè!!m man non potevano farli di normale cemento_!
Che devo fare!!! questo problema non mi permette di fare l'assistente di volo dannazzione! Aiuto!

5
19 Dic 2006
alle 10:53

Giulietta

Ciao Daniele ti ringrazio per la segnalazione del vostro sito che sono certa sarà d'aiuto a chi sente di avere questo problema. :)

4
18 Dic 2006
alle 17:37

daniele

visto ke anche in italia esistiamo "noi paruretici" abbiamo pensato di creare un sito dove trovare delle informazioni, poterci confrontare e magari aiuitarci tra noi... non spendo altre parole veniteci a trovare www.paruresis.it

3
30 Nov 2006
alle 12:04

pier

poche dosi di natrum muriaticum 30ch dose unica della Boiron ( una ogni 15 giorni ) risolveranno il problema
provare per credere

2
16 Nov 2006
alle 21:46

Francesca

Salve a tutti. Mi chiamo Francesca. Io ho praticamente lo stesso problema. Qundo sono in un bagno pubblico non riesco ad urinare. E' ormai a tanti anni che va avanti cosi. Non posso fare piu niente con questo problema. Qualcuno mi puo dare qualche consiglio su come poter superare questa fobia?
Grazie mille

1
03 Nov 2006
alle 22:44

Giulietta

Caro Alessandro, potresti provare a tirare lo sciacquone mentre urini per coprire il rumore, ma credo che qualunque maresciallo ti lascerebbe da solo se glielo chiedessi. Direi di non farne un dramma innanzitutto. Se la cosa dovesse determinarti un vero disagio puoi provare a rivolgerti a uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale per un breve ciclo di desensibilizzazione sistematica o qualche seduta di biofeedback.


Attendere la pubblicazione del commento

Seguici

Iscriviti ai nostri feed rss. Leggi in tempo reale tutti i post pubblicati dal blogger!

Post in evidenza su Blogosfere