blogo, informazione indipendente
Logo Blogosfere

Ansia e percezione uditiva del battito del cuore

Giulietta Capacchione avatar Venerdì 3 Novembre 2006, 07:00 in Psicologia clinica di Giulietta Capacchione

Per nostra immensa fortuna gran parte delle nostre funzioni vitali fondamentali avvengono senza la nostra volontà e, soprattutto, in silenzio.
Per esempio la maggior parte di noi non fa caso quasi mai al proprio battito cardiaco, a meno che questo non cominci ad andare al galoppo per un motivo qualsiasi.
Alcune persone però hanno una certa tendenza all’auto-auscultazione, e prestano molta attenzione ai segnali di attivazione del loro sistema autonomo, spesso facendosene spaventare senza ragione.
Le persone che soffrono di attacchi di panico sono fra queste.
La ricerca di cui sto per parlarvi è davvero curiosa, è stata condotta da Rachel Pollock e ha coinvolto 136 soggetti, alcuni dei quali (34) sono stati diagnosticati come “fortemente ansiosi”.
Ai partecipanti è stato fatto ascoltare il suono di un battito cardiaco, a varie velocità di pulsazione, su un rumore bianco di fondo ed è stata verificata l’ipotesi che il sottogruppo di ansiosi svolgesse il compito di individuazione e riconoscimento del battito in maniera diversa rispetto al resto del campione.
I risultati sono stati i seguenti: quando il battito ascoltato era di velocità normale le persone più ansiose erano più abili a individuarlo e tendevano a dichiarare di avvertirlo anche quando non c’era. Incorrevano, in altre parole, nei cosiddetti  falsi positivi.
Stranamente erano però meno abili degli altri a individuare i battiti cardiaci a velocità anormale- forse perchè il loro ascolto scatenava una risposta di paura in grado di compromettere il compito cognitivo di individuazione.
In una condizione mista, di battiti normali e anormali, i partecipanti ansiosi mostravano una maggiore tendenza a scambiare un battito normale per uno anormale.
La ricerca suggerisce la possibilità che le persone che hanno sintomi di ansia e di paura possano avere una particolare vulnerabilità al panico a causa del modo con cui percepiscono i battiti del proprio cuore.
Il problema di questa ipotesi è che è difficile stabilire se è nato prima l’uovo o la gallina. In altre parole questa modalità di “superpercezione” o mispercezione del proprio battito cardiaco può essere causa e/o predisposizione al panico, ma può essere anche semplicemente conseguenza percettiva dell’ansia e del panico, esito di uno stato di allerta anticipatoria costante. Se temo di avere un attacco da un momento all'altro è plausibile che sviluppi particolari capacità di detezione del segnale premonitore...

Abstract | Anxiety sensitivity and auditory perception of heartbeat.
Fonte: BPS Research

6
6 commenti
6
12 Ago 2012
alle 13:50

Bilardi Crocifisso Amedeo

ciao a tutti.

io è da tre anni ke ho anke questi problemi di ansi,attacchi di panico,paura di sentirmi male,sento i battiti cardiaci ecc

e pensandoci bene ogni volta ke leggo questi coomenti mi tranquillizzo xò poi se penso a qualche cosa brutta sono di nuovo punto e a capo.comunque io voglio riuscire una volta x sempre a non avere più problemi sperando ke qualcuno di voi mi dia un consiglio buonissimo come nn avere più problemi.

 

5
19 Apr 2012
alle 20:46

katia

Salve volevo sapere una cosa,, mi capita spesso di non sentire i battiti cardiaci avete presente alla gola??  E li sento bassisimi ho paura quando non li sento...  Sono una tipa molto ansiosa

4
24 Nov 2010
alle 22:51

Lucia Imperatore

Caro Pino,
i tuoi sintomi sono quelli di una persona terrorizzata in un momento di forte paura. Rifletti su quello che sta succedendo nella tua vita e se c'è qualcosa che ti preoccupa particolarmente. Se i sintomi continuano a perdurare ti consiglio di rivolgerti ad uno specialista psicoterapeuta o psichiatra, per farti aiutare a capire cosa ti sta succedendo.

Un caro saluto

3
24 Nov 2010
alle 16:25

Pino

MI SENTO SEMPRE TESO, AVVERTO TENSIONI SOPRATTUTTO NELLA ZONA DELLA NUCA ANCHE DURANTE LA GUIDA E MOLTE VOLTE HO PAURA DI RESTARE SOLO IN CASA O DI STARE DA SOLO NELLA VASCA DA BAGNO PER CUI LASCIO LA PORTA APERTA.SENTO SEMPRE IL MIO BATTITO CARDIACO E QUESTO MI METTE ANSIA FINO AL PANICO

2
04 Giu 2007
alle 21:50

Logico

sembra identificato nel "giro dentato" dell'ippocampo il circuito genrativo dell'ansia non giustificata.

Sarà così?? 

http://194.244.5.200/site/notizie/awnplus/scienza/news/2007-06-03_10385311.html

1
22 Mar 2007
alle 19:53

Pierferdinando Casiraghi

Non credi che i più esperti di disturbi d'ansia e panico (D.A.P.) siano coloro che li hanno sperimentati direttamente? Riesci ad immaginare di poter dare aiuto, proprio mentre ne stai ricevendo? Pensi che sia utile attivarsi, insieme ad altre persone, per recuperare il proprio benessere? Allora unisciti all'unica associazione no-profit, tra pazienti ed ex pazienti DAP (Disturbo da Attacchi di Panico), gestita interamente dai propri associati, presente ed operante su tutto il territorio nazionale, dal 1991.


Attendere la pubblicazione del commento

Seguici

Iscriviti ai nostri feed rss. Leggi in tempo reale tutti i post pubblicati dal blogger!

Post in evidenza su Blogosfere