blogo, informazione indipendente
Logo Blogosfere

Irresistibilità del gossip ovvero del perchè ce ne frega qualche cosa di Noemi Letizia/1

Giulietta Capacchione avatar Martedì 9 Giugno 2009, 21:55 in Psicologia sociale di Giulietta Capacchione
Noemi%20Letizia.bmp

Premettendo che personalmente trovo del tutto imperscrutabili i motivi per cui un paese intero debba interessarsi della vita di un personaggio così...ovvio, proviamo a capire, laicamente, cosa possa spingere gli essere umani in generale ad appassionarsi al gossip.
L’ipotesi dell’intelligenza machiavellica (Byrne & Whiten, 1988; Whiten, 1999b; Whiten & Byrne, 1997) o del cervello sociale (Dunbar, 1998, 2003) afferma che l’intelligenza dei primati, e quindi anche quella degli uomini, si sia evoluta principalmente per gestire problemi sociali complessi e non, come afferma l’alternativa ipotesi ecologica, per risolvere questioni pratiche come trovare il cibo o utilizzare utensili.
Secondo l’ipotesi dell’intelligenza machiavellica gli esseri umani hanno sviluppato una sorta di specializzazione per le informazioni a contenuto sociale e in virtù di questo le persone prestano attenzione, ricordano e, tendenzialmente, trasmettono di più e con migliore accuratezza i dettagli informativi che hanno una componente sociale.
Whiten, Mesoudi e Dunbar hanno realizzato recentemente uno studio per verificare questa ipotesi.
Hanno selezionato alcuni studenti di college e li hanno divisi in dieci “catene” da quattro individui ciascuna.
E’ stato utilizzato nè più nè meno che il metodo del telefono senza fili: il primo soggetto della catena doveva leggere quattro piccoli brani, ricordarli e poi riferirli al secondo e così via.
I brani contenevano informazioni distinte in quattro tipologie:
Informazioni Individuali (concernenti le interazioni fra un singolo individuo e l’ambiente fisico).
Informazioni Fisiche (concernenti esclusivamente un contesto ecologico).
Informazioni Sociali non-gossip (concernenti interazioni e relazioni quotidiane fra un certo numero di persone)
Informazioni Sociali Gossip (concernenti interazioni sociali e relazionali intense e salienti come un affare losco o una gravidanza).

Di seguito riporto un esempio dei materiali utilizzati che può farci capire meglio il tipo di stimoli:
[Individual]
Una mattina la sveglia di Nancy non ha suonato e lei non si è svegliata. Quando si è alzata ha realizzato che era in ritardo per una lezione importante. Si è vestita più in fretta che ha potuto, è uscita da casa ed è corsa all’università. Quando è arrivata l’aula era vuota, s’era persa la lezione…
[Physical]
Il clima in Colorado è caldo e umido in estate. La vegetazione è rigogliosa. Ci sono diversi incendi boschivi che immettono monossido di carbonio nell’atmosfera. Questo contribuisce al riscaldamento globale aumentando ulteriormente le temperature.
[Social]
Nancy ama nuotare. Stava andando in piscina, ma si è persa. Così ha chiesto a un vecchio che aspettava alla fermata dell’autobus delle indicazioni. Il vecchio non sapeva aiutarla. Quando il bus è arrivato il vecchio ha chiesto informazioni al conducente che ha aiutato Nancy a trovare la piscina.
[Gossip]
Nancy ha una storia col suo professore del college, sposato, e aspetta un bambino da lui. Il professore le ha promesso che vorrebbe lasciare la moglie, ma da quando Nancy gli ha detto di essere incinta, lui si è rifiutato di vederla. Così Nancy gliel’ha detto alla moglie che ha deciso di lasciarlo. 

E’ importante notare che il materiale originale in inglese prevede quasi il medesimo numero di parole, frasi e preposizioni per i quattro brani e ne è stata testata l’equivalenza per quanto riguarda la coerenza narrativa.
Anche il numero di interazioni sociali è ad esempio il medesimo fra il brano gossip e quello non gossip (Nancy + vecchio+ conducente; Nancy + professore+ moglie del professore)
I risultati sono stati i seguenti:
Le informazioni sociali ( sia di tipo gossip che di tipo non-gossip) vengono trasmesse in misura significativamente maggiore e con maggiore accuratezza delle informazioni non sociali (sia fisiche che individuali). Non ci sono differenze nella ricordabilità e nella trasmissione culturale fra le informazioni gossip e quelle non-gossip.
Viene quindi confermata la versione light dell’ipotesi machiavellica, quella secondo la quale basta che vi sia un’interazione interpersonale in una narrazione perché essa venga ricordata e trasmessa culturalmente con più accuratezza.
La versione strong dell’ipotesi viene sostanzialmente smentita nonostante le valide argomentazioni a suo sostegno: il gossip avrebbe dovuto scatenare un appeal emotivo maggiore e, da un punto di vista sociologico, avrebbe potuto avere una funzione importante come "veicolo di segnalazione" dei comportamenti antisociali delle persone, al fine di consentire la valutazione della loro reputazione e proteggersi contro i "cattivi incontri".
Così pare che non sia.
Quella che sicuramente esce sconfitta è l’ipotesi ecologica dell’intelligenza umana: le interazioni con l’ambiente fisico, di natura non sociale, raccolgono uno svantaggio significativo sia nella quantità che nella qualità del recupero in memoria, e di conseguenza anche nella trasferibilità culturale.

Il direttore di Novella 2000 può dormire sonni tranquilli. Siamo attratti dal gossip da un paio di milioni di anni e probabilmente lo saremo per almeno un altro paio. :)

Paper |  A bias for social information in human cultural transmission. (pdf)

2
2 commenti
2
10 Giu 2009
alle 15:14

Giulietta

ora funziona. Grazie Christian. ;)

1
10 Giu 2009
alle 12:58

christian

Il link non funziona...

Lascia il tuo commento

Accedi con Facebook Esci da Facebook

Attendere la pubblicazione del commento

Seguici

Iscriviti ai nostri feed rss. Leggi in tempo reale tutti i post pubblicati dal blogger!

Post in evidenza su Blogosfere